image-11529326-quote-c9f0f.png
“Quando le generazioni future giudicheranno coloro che sono venuti prima di loro sulle questioni ambientali, potranno arrivare alla conclusione che questi ‘non sapevano’: accertiamoci di non passare alla storia come la generazione che sapeva, ma non si è preoccupata.”
​​​​​​​
MIKHAIL SERGEEVICH GORBACHEV



Cambiamenti climatici
Fast Fashion

Nasce negli anni ’80 e oggi rappresenta una delle problematiche maggiori dell’inquinamento nell’industria tessile: stiamo parlando del fast fashion (tradotto letteralmente “industria veloce”). Questo fenomeno, esploso negli anni 2000 quando le aziende hanno iniziato a produrre un numero sempre maggiore di collezioni l’anno a costi stracciati causando gravi problematiche legate all’inquinamento ambientale, ha costretto il Parlamento europeo a intervenire adottando nuovi piani di azione, come il “piano d’azione per un’economia circolare”, i cui obbiettivi sono il riciclaggio e la riduzione delle discariche. 

A febbraio 2021 il Parlamento europeo ha chiesto misure aggiuntive per raggiungere un’economia a zero emissioni di carbonio, sostenibile dal punto di vista ambientale e libera dalle sostanze tossiche.




Consumo di acqua e inquinamento idrico

L’inquinamento idrico è una delle principali problematiche causate dalla produzione tessile: si stima che nel 2017 questo settore in Europa abbia usato 266 miliardi di metri cubi di acqua, inquinandone il 20% di quella potabile a causa dei vari processi a cui i prodotti vanno incontro, come la tintura e la finitura.Inoltre, il lavaggio di questi capi sintetici rilascia il 35% delle microplastiche primarie nell’ambiente che rischiano di finire nella catena alimentare.




Emissioni di gas a effetto serra

Secondo le stime fatte l’industria della moda è responsabile del 10% delle emissioni globali di carbonio, pari a 1.7 miliardi di tonnellate l’anno, più del totale di tutti i voli internazionali e del trasporto marittimo messi insieme!Questo accade perché ancora troppe poche aziende utilizzano quantità basse di  materie prime riciclate o prodotte in modo sostenibile.​​​​​​​